Nuovo Redditometro: Tutte le Spese Controllate dal Fisco

nuovo redditometroIl nuovo redditometro appena entrato in vigore, controllerà redditi e consumi degli italiani con l’obiettivo di scovare gli evasori. Di seguito tutte le voci di spesa che saranno esaminate dall’Agenzia delle Entrate per capire chi evade le tasse considerando entrate e uscite degli ultimi 4 anni ed eventuali scostamenti di reddito superiori al 20%.

La data del 19 agosto 2013 segna l’entrata in vigore del nuovo redditometro. Il meccanismo nelle mani del fisco, attraverso l’incrocio di numerosi dati, ricostruirà le spese di ogni singolo cittadino alla ricerca di uscite superiori alle entrate superiori al 20 per cento sul reddito dichiarato.

Soggetti più a rischio: chi finora ha preferito usare sistemi di pagamento tracciabili in alternativa al contante.

Chi ha invece optato, ove possibile e restando nella soglia dei 999 euro come stabilito dalla legge, per i pagamenti in contanti relativi ad acquisti spese non direttamente riconducibili al soggetto, avrà maggiori possibilità di farla franca.

Nuovo redditometro: Spese Esaminate in ordine alfabetico

Abitazioni: saranno considerate le uscite riguardanti i canoni di locazione (affitti), fitto figurativo, canone di leasing immobiliare, spese condominiali, spese di manutenzione ordinaria e straordinaria degli immobili, intermediazioni immobiliari;

Assicurazioni: polizze di investimento, prudenza e vita, assicurazioni rc auto, assicurazoni furto e incendio, assicurazioni danni, infortuni e malattia,

Auto e moto: controllo sui mezzi di trasporto posseduti ed eventuali discordanze con la media dei kw calcolati sulla base delle informazioni presenti al Pra;

Beni e servizi per la casa:  Nel conto sono inseriti arredi ed elettrodomestici, altri beni e servizi per la casa (biancheria, detersivi, pentole, lavanderia e riparazioni), collaboratori domestici.

Beni mobili e immobili: acquisto di terreni, fabbricati, mezzi di trasporto (auto, moto e mini car), caravan e roulotte, imbarcazioni, aeromobili;

Consumi: riguarderanno le spese su alimenti e bevande, i capi di abbigliamento e le calzature;

Energia e bollette: riguarderanno tutte le spese per pagare le bollette di acqua, luce, gas e riscaldamento.
Investimenti finanziari: contributi previdenziali, azioni e obbligazioni, conferimenti, finanziamenti, capitalizzazioni, quote di partecipazione, fondi d’investimento, derivati, certificati di deposito, pronti contro termine, buoni postali fruttiferi, conti di deposito vincolati, altri titoli di credito, altri prodotti finanziari valuta estera, oro, numismatica e filatelia, oggetti d’arte o antiquariato; donazioni ed erogazioni liberali;

Istruzione: libri scolastici, tasse scolastiche, rette e simili per: asili nido, scuola per l’infanzia, scuola primaria, scuola secondaria, corsi di lingue straniere, corsi universitari, tutoraggio, corsi di preparazione agli esami, scuole di specializzazione, master; soggiorni studio all’estero; canoni di locazione per studenti universitari;

Sanità: medicinali, farmaci, cure e spese mediche;

Spese ordinarie e di manutenzione: pezzi di ricambio, olio e lubrificanti, spese acquisto carburanti, manutenzione e riparazione di auto, moto, caravan, camper, natanti, aeromobili tram, bus, taxi, ormeggio e rimessaggio di natanti e imbarcazioni; servizi di hangaraggio, canone di leasing o noleggio di mezzi di trasporto;

Telefonia: considerati gli acquisti di telefoni, cellulari e smartphone, oltre che le relative spese di ricarica del credito;

Cultura tempo libero e giochi:  giochi e giocattoli, radio, televisione, hi-fi, computer, libri, giornali e riviste, dischi, cancelleria, abbonamenti radio, televisione e internet, lotto e lotterie, piante e fiori, riparazione di radio, televisore, computer; abbonamenti pay-tv; attività sportive, circoli culturali, circoli ricreativi, abbonamenti eventi sportivi e culturali; giochi online; cavalli; animali domestici (incluse le spese veterinarie);

Trasporti: spese per:pezzi di ricambio, olio e lubrificanti, carburanti, manutenzione e riparazione di auto, moto, caravan, camper, minicar; aeromobili; tram, autobus, taxi; ormeggio e rimessaggio di natanti e imbarcazioni, servizi di hangaraggio, canone di leasing o noleggio di mezzi di trasporto;

Altri beni e servizi: il fisco conteggerà infine: barbiere, parrucchiere e istituti di bellezza; prodotti per la cura della persona; centri benessere; argenteria, gioielleria, bigiotteria e orologi; borse, valige ed altri effetti personali; onorari a liberi professionisti; alberghi, pensioni e viaggi organizzati; pasti e consumazioni fuori casa; assegni periodici corrisposti al coniuge.

Sarà davvero efficace lo strumento apena entrato in funzione? Da una prima analisi fatta da un occhio non esperto forti dubbi in proposito.

Ancora una volta, anche col nuovo redditometro, a farla franca potrebbero essere tutti quelli che hanno entrate in nero.

Anche perchè, molte delle voci riportate, possono tranquillamente sfuggire al fisco pagando in contanti e a beneficio degli evasori.