Come Risparmiare Energia Elettrica

risparmio energetico Risparmiare energia elettrica in casa, non solo è possibile, ma più facile di quanto si possa credere.

Con qualche accorgimento, si possono ottenere risparmi in bolletta di circa il 30%.

Io ho iniziato ad adottare la politica del risparmio energetico già da qualche anno, ottenendo risultati  concreti e di tutto rispetto.

Ecco gli accorgimenti da mettere in pratica premesso che il risparmio è variabile in base al numero di componenti del nucleo familiare, la presenza o meno di bimbi piccoli, ed il numero di accorgimenti che si riesce a mettere in pratica.

Lampadine

Sostituire le lampadine di casa con delle lampade a basso consumo (si abbattono i consumi  del 30%), o meglio ancora con quelle a led (si risparmia fino all’80%).

I soldi spesi per acquistarle si risparmiano in bolletta, tenendo conto che attualmente i prezzi sono scesi considerevolmente.

Lavastoviglie

Evitare di usarla se non è completamente piena. Evitare anche  di usare il prelavaggio ed il programma per l’asciugatura delle stoviglie.

Scaldino

Se si utilizza l’acqua calda solo per la doccia, si può tenere lo scaldino tarato a 45 gradi, accendendolo 15 – 20 minuti prima di usarlo.

Bisogna tener conto infatti che per fare una doccia calda la temperatura oscilla tra i 35 e i 40 gradi in base alle abitudini; con temperature più alte ci si scotta soltanto.

Non ha senso sprecare energia per fare l’acqua più calda quando poi la si deve raffreddare prima di poterla usare.

Da sapere: a costo quasi zero si può costruire in casa uno scaldino solare.

Stand by

Evitare di lasciare lasciare gli elettrodomestici in stand by.

Le spie luminose presenti su televisori, lettori dv, decoder, ecc, segnalano che il nostro apparecchio è in attesa.

In attesa di che? Se non si sta usando è solo in attesa di essere spento, ma  continua a sprecare energia.

Leggi maggiori informazioni per evitare gli sprechi dello standby.

Sensori di prossimità

Installando dei semplici rilevatori di presenza, comunemente conosciuti come sensori di movimento, si abbattono ulteriormente i consumi energetici poiché la luce si accende quando c’è qualcuno e si spegne quando nelle stanze non ci sono persone.

Ulteriori consigli per risparmiare coi sensori di prossimità.

Frigorifero

Aprirlo il tempo più breve possibile e non inserire cibi caldi all’interno.

Oltre a consumare maggiore energia, il calore causa anche la formazione della brina che aumenta a dismisura i consumi.

Per congelare gli alimenti evita di riporli tutti insieme nel congelatore e confezionali in piccole porzioni per rendere più rapido il processo di congelamento.

Per scongelare gli alimenti trasferiscili dal congelatore al vano frigorifero.

Distanzia il frigorifero dalle fonti di calore, dal muro e da finestre esposte al sole.

Sono sconsigliati gli incassi a muro.

Controllare periodicamente le guarnizioni e sostituirle se usurate perché lasciano entrare calore.

Pulire regolarmente la serpentina situata dietro al frigo assicurandosi prima di aver staccato la spina dalla corrente.

Regolare la temperatura del frigo dai 5 ai 7 gradi e quella del congelatore tra i -18 ed i -15°. Temperature più basse non sono di alcuna utilità ma aumentano i consumi.

Forno elettrico

Il forno elettrico consuma parecchia energia. Quelli ventilati un po’ meno.

Per risparmiare corrente meglio evitare di aprirlo quando è in funzione.

Inserire le pietanze da cuocere subito dopo l’accensione, senza aspettare che arrivi a temperatura.

Spegnerlo un po’ prima della cottura completa poiché la cottura stessa continuerà anche a forno spento per diversi minuti.

Lavatrice

Usare la lavatrice solo a pieno carico e prediligere soprattutto i lavaggi a basse temperature.

Impostando cicli di lavaggio tra 40 e 60 gradi si ottengono risultati perfetti con gli attuali detersivi. Ricordarsi di pulire il filtro periodicamente.

Acquisto di nuovi elettrodomestici

Nel caso in cui si debba comprare un nuovo elettrodomestico, scegliere sempre quelli di classe A, che permettono un notevole risparmio di energia.

Scelta tariffe

Oltre ai suggerimenti finora indicati è bene ricordare che, con la liberalizzazione del mercato energetico e l’entrata in vigore della tariffa bioraria, scegliere il contratto più conveniente si traduce in un abbattimento dei costi in bolletta.

Incentivi e bonus energetici

Da non lasciarsi sfuggire i Titoli di Efficienza Energetica, cioè gli incentivi che periodicamente vengono messi a disposizione del consumatore, per spendere meno in bolletta o ridurre il consumo di corrente.



APPROFONDIMENTO: