Pensione Sopra i Mille Euro: Soluzioni per l’Accredito

prelievo contantiEntro la fine del mese di febbraio, tutti i pensionati che ricevono una pensione di importo superiore ai mille euro, non potranno più riscuoterla in contanti. Vediamo quali sono le migliori soluzioni da adottare, visto che è un obbligo di legge.

Per il momento l’obbligo di avere un conto, un libretto o una carta prepagata per farsi accreditare la pensione riguarderà solo 450 mila pensionati.

Entro la fine dell’anno però, periodo in cui viene pagata la tredicesima mensilità, l’imposizione verrà estesa alla quasi totalità dei pensionati italiani (circa 16 milioni di cittadini), visto che la maggior parte di loro supereranno la soglia limite.

Probabilmente ancora molti non se ne sono resi conto ma il fatto che il governo abbia innalzato la soglia a mille euro, in realtà non ha fatto altro che spostare il problema di qualche mese, probabilmente per placare gli animi di quanti si sono lamentati, con tutte le ragioni.

I più maliziosi hanno ipotizzato che tale operazione sarà utile solo alle banche, che seppur obbligate a commercializzare conti base a costo zero, guadagneranno comunque sulle transazioni o sui prelievi.

Visti gli ultimi accadimenti, c’è anche chi sostiene che l’obbligo del conto corrente esteso anche ai pensionati, sia finalizzato a permettere ad Equitalia il pignoramento totale dei conti dei malcapitati pensionati, che si ritrovano loro malgrado ad avere cartelle esattoriali non pagate per ragioni economiche.

Infatti, se fino ad ora ai pensionati morosi si poteva solo trattenere un quinto della pensione, con l’accredito sul conto corrente è possibile pignorare la totalità degli importi depositati.

Appare evidente che, se nell’immediato il problema interesserà un numero esiguo di persone, a fine 2012 riguarderà quasi tutti quelli che percepiscono trattamenti pensionistici.

Sarebbe bene quindi, per chiunque ha dei genitori/parenti anziani, non aspettare l’ultimo momento e provvedere anticipatamente a risolvere il problema, trovando la soluzione più adeguata, conveniente e meno traumatizzante per i parenti non più giovani da sempre abituati ad usare il denaro contante.

Innanzitutto i 450 mila pensionati interessati al momento, dovranno comunicare all’Inps entro il 29 febbraio il metodo scelto per l’accredito della pensione (conto corrente, libretti di risparmio o carte prepagate iban).

La comunicazione può essere fatta in banca, alla posta, oppure presso le agenzie territoriali.

I pensionati iscritti ai servizi on line dell’Inps possono farlo anche tramite internet collegandosi al sito dell’Inps nella sezione Servizi online, dopo aver immesso il proprio Pin.

In ogni caso, per effettuare l’operazione, servono i dati anagrafici del pensionato, il codice fiscale, un documento di identità ed ovviamente anche il codice Iban sul quale verrà accreditata la pensione.

Accredito pensione su conto

Che si tratti di conto corrente bancario o postale, deve essere intestato al pensionato o almeno cointestato.

I conti correnti (di tipo tradizionale oppure online) possono essere aperti da persone che abbiano raggiunto la maggiore età e che non abbiano  avuto fallimenti o protesti.

Importante scegliere un conto valutando tutte le spese e gli oneri a carico dell’intestatario. Solitamente i conti online costano meno e possono essere aperti direttamente via internet.

In questo caso occorre inviare alla banca il contratto firmato e i documenti richiesti tramite posta o via fax.

Accredito pensione su libretto di risparmio postale o bancario

Valida alternativa a basso costo visto che la pensione può essere anche fatta accreditare usando questo tipo di strumenti bancari che possono essere dotati anche di codice Iban.

Anche nel caso di libretti bancari o postali è necessario recarsi all’ufficio postale o in banca coi propri documenti.

Nonostante ai libretti non si possa associare il bancomat, per le pensione più avanti con gli anni spesso si rivela la soluzione più idonea visto che gli anziani sono già abituati a versare o riscuotere allo sportello.

Accredito pensione su carte conto

Altra possibilità di riscuotere la pensione in alternativa al denaro contante è rappresentata dalle carte di credito prepagate con codice Iban.

Si tratta di uno strumento elettronico che rappresenta una via di mezzo tra bancomat e carte di credito visto che, proprio grazie al codice Iban di cui sono dotate, consentono di prelevare agli sportelli bancomat e ricevere bonifici versamenti e pagamenti.

Proprio in previsione delle nuove norme sul contante, sia Poste Italiane che quasi tutte le banche, hanno immesso sul mercato delle carte conto con Iban che possono essere richieste direttamente agli sportelli e talvolta hanno dei costi ridotti se non nulli.

Approfondimento

Related Posts

NON HAI TROVATO
LE INFORMAZIONI CHE VOLEVI?
CERCA NEL SITO