Tu si Che Vales: Quanto si Vince e Come Funziona

tu si que valesDa quando è iniziata la trasmissione, la domanda che molti si fanno è: quanti soldi prende chi vince tu si che vales? Il talent show che su canale 5 ha preso il posto di Italia’s Got Talent ha esordito il 4 ottobre con uno share del 20,01% e 3.940.000 spettatori.

Sia i partecipanti che il vincitore ricevono premi in denaro.

Meccanismo quello tradizionale di molti altri spettacoli simili: personaggi che si esibiscono, giuria che li vota, selezioni, puntante preliminari, finali e premi in danaro per i vincitori.

Quello in questione che avrà come presentatori Belen Rodriguez e francesco Sole è basato sul format di origine iberica Tú sí que vales! ideato da Josep Mª Mainat e Toni Cruz ed andato in onda in spagna con grande successo dal 2008 fino al 2013.

I concorrenti durante i casting esibiscono i propri numeri (può partecipare chiunque ritenga di possedere un talento speciale, dal canto alla danza, dall’arte circense fino alle più bizzare stranezze).

Sono dunque sottoposti e votati da una giuria (composta da Maria De Filippi, Rudy Zerbi e Gerry Scotti); ulteriori giudici saranno 30 persone scelta tra il pubblico che esprimeranno il proprio apprezzamento o dissenso.

La giuria popolare ha un cosiddetto tribuno, ovvero un ospite d’onore diverso che cambia dopo una o più puntate; ci saranno in ordine cronologico delle puntate Francesco Totti, Emma Marrone, Mara Venier, Alessandra Amoroso e probabilmente altri nomi non ancora resi noti.

Si tratta di un giudice popolare senza diritto di voto ma che può esprimere la propria opinione e si occupa di comunicare il verdetto del pubblico demandato a votare.

Due minuti il tempo a disposizione di ogni partecipante che dovrà esibirsi dando il meglio di sè sperando di essere scelto.

I giudici possono interrompere o prolungare l’esibizione se non la ritengono all’altezza della trasmissione, toccando con una bacchetta una sorta di clessidra olografica (tocco in alto prolunga la performance, tocco in basso la interrompe dopo 15 secondi).

Togliendo il tempo la clessidra diventa rossa, aggiungendo tempo diventa verde. I protagonisti delle performance possono anche essere ripescati passando il turno se ottengono almeno 2 giudizi positivi o se la giuria popolare apprezza all’unanimità.

Il consenso è rappresentato da una sorta di post-it e accompagnato dalla frase che titola lo spettacolo: Tu sì che vàles; in caso di dissenso invece la frase di rito è Tú sí que non vales.

Riguardo le selezioni dei concorrenti, avvengono sia su base locale che in modalità itinerante, per proseguire poi nei diversi step (denominati gala) che portano i prescelti alle semifinali e alla finale gran gala dove il ciclo si chiude con la premiazione di uno o più vincitori.

Passiamo ora al “vile denaro”, motivo per cui molti personaggi, artisti o meno che siano partecipano alla trasmissione.

Riguardo l’edizione italiana di Tu si che vales non è ancora dato di sapere a quanto ammonta il premio per chi vince l’edizione italiana di Tu si che vales e/o partecipa alle puntate.

Quel che è certo è che nell’edizione spagnola i partecipanti a tu si che vales hanno ricevuto ciascuno mille euro quando hanno ottenuto la totalità di voti favorevoli, mentre il vincitore finale si è aggiudicato 30 mila euro.

Verosimile ipotizzare che nel bel paese saranno più alti sia i compensi per i partecipanti che la ricompensa al vincitore; parere diffuso è che il montepremi finale potrebbe di gran lunga superare i 100 mila euro.

Se hai soddisfatto la curiosità e vorresti partecipare anche tu, sappi che in alternativa, a patto di avere un record da battere, potresti guadagnare altrettanto se non ancora di più (seppur in modo diverso) partecipando al guinness dei primati.



Altro su

Condividi la notizia, basta un semplice click!