Smettere di Fumare: Buone Ragioni per Farlo

Smettere di fumare eliminando il vizio delle sigarette fa bene oltre che al portafogli anche e sopratutto alla salute. Non è una novità infatti che le sigarette sono causa di malattie mortali o altamente invalidanti. Conoscere dei buoni motivi per smettere di fumare può essere la giusta spinta.

Considerato che l’American Cancer Society ha stilato una lista che indica un sacco di di valide ragioni  (riportate di seguito) per cui vale la pena smettere di fumare, vediamo ora i motivi validi per togliersi in vizio del fumo.

Pressione arteriosa e battito cardiaco: si normalizzano già solo dopo mezzora circa dal momento in cui si fuma l’ultima sigaretta;

Temperatura corporea: si stabilizza tornando ai livelli ottimali entro 20 minuti, facerndo soffrire meno il freddo d’inverno e  il caldo d’estate;

Tasso di anidride carbonica nel sangue: si riduce fino ad un livello fisiologico si normalizza il livello di ossigeno nel sangue nel giro di 8 ore;

Polmoni: entro 12 ore da quando si smette di fumare cominciano a funzionare meglio perchè si riduce la presenza di monossido di carbonio;

Circolazione sanguigna: migliora considerevolmente dopo 24 ore;

Terminazioni nervose olfatto e gusto: nel giro di 2 giorni iniziano a ricrescere le terminazioni nervose e migliorano i sensi dell’odorato e del gusto (le papille gustative si rigenerano e cominciano a funzionare meglio);

Bronchi: dopo 3 giorni si rilassano, migliora il respiro e aumenta la capacità polmonare;

Rischio di attacco cardiaco: si riduce diminuendo parecchio il rischio dopo una settimana;

Senso di fatica: si affievolisce nel giro di due o 3 mesi e camminare diventa sempre meno faticoso;

Respiro corto, tosse, vitalità: in un arco di tempo compreso tra i 3 e i 9 mesi diminuiscono l’ affaticamento, il respiro corto, la tosse e aumenta il livello generale di energia;

Mortalità da tumore polmonare: chi fuma mediamente un pacco di sigarette al giorno riduce il rischio entro 5 anni (statisticamente si passa da 137 morti a 72 decessi ogni 100 mila fumatori;

Rischio di altri tumori: entro 10 anni le cellule precancerose vengono rimpiazzate e diminuisce il rischio dell’insorgenza di tumore alla bocca, alla laringe, all’esofago, alla vescica, ai reni e al pancreas;

Mortalità da tumore polmonare: dopo un decennio il rischio di decesso a causa del tumore polmonare è paragonabile a quello di una persona che non ha mai fumato;

Indicatori di rischio: dopo 15 anni rientrano nella normalità.

Da sapere: ci sono tanti sistemi e strumenti che possono aiutare e combattere il vizio del fumo, sempre che  i buoni motivi per smettere di fumare indicati sopra, da soli non dovessero bastare a dare la giusta motivazione.




Altro su:



Condividi la notizia, basta un semplice click!