Arredamento Gratis e a Costo Zero per Risparmiare

arredamento gratisIn tante circostanze si può aver bisogno di un divano, una poltrona, un letto, una culla o altro mobile e magari non c’è la disponibilità economica di comprarlo. Problema risolvibile a costo zero  e con un minimo di manualità.

Qualcuno si stupirà di questo, ma realizzare arredi fai da te sta diventando una vera tendenza, vista sia la facilità di esecuzione, sia il costo ridottissimo, talvolta pari a zero.

C’è addirittura chi con questo sistema ha realizzato e realizza arredamenti completi: tavoli, sedie, pensili, cucine, letti, divani, ecc.

L’unico limite è la fantasia e la creatività, nemmeno tanto necessari visto che su internet di mobili del genere se ne trovano a bizzeffe, con tanto di foto e talvolta anche di guide complete per  costruirli nel modo migliore.

Se comprare mobili usati, oppure arredamento low cost può essere un valido sistema per risparmiare, l’alternativa più economica passa dal baratto e dagli oggetti (mobili compresi) in regalo.

Mobili gratis col fai da te

Se nessuna delle alternative indicate può fare al caso tuo e hai bisogno di arredare casa pur non avendo soldi da spendere, la soluzione è a portata di mano.

Bastano pochi attrezzi e tanta buona volontà.

Qualche giorno fa mentre lavoravo al computer, mi sono imbattuto casualmente in alcune immagini che riproducevano mobili autocostruiti e arredi fai da te davvero ben fatti e molto gradevoli da vedere.

Così, più per passatempo che per necessità, mi è venuto il pallino di mettermi alla prova e vedere se pure io sarei riuscito a fare qualcosa del genere.

Mi sono procurato il materiale necessario e domenica scorsa mi sono messo all’opera.

Ho tirato fuori gli attrezzi e ho preso dei pancali (meglio conosciuti come pallet ma detti anche bancali) che mi ero fatto dare (gratis) da un negoziante di idrosanitari vicino a casa mia.

Taglia di qua, inchioda di la, avvita qui, leviga lì, 15 minuti dopo avevo finito di realizzare una panchina in legno, che non ha niente da invidiare a quelle che si trovano in commercio.

Con due sostanziali differenze: non mi è costata neanche un euro e per giunta ho avuto la grande soddisfazione di poter dire l’ho fatta io.




Altro su:



Condividi la notizia, basta un semplice click!