Nuovi Business: Sterilizzazione Carrelli della Spesa

purecartI risultati emersi da una recente studio condotto dall’università dell’Arizona, hanno generato negli states l’idea per una nuova opportunità di business che è già stata colta al volo negli states e che potrebbe facilmente essere estesa anche in Europa e in Italia rivelandosi vincente anche qui da noi.

Lo studio

Gli scienziati dell’Università dell’Arizona hanno analizzato, alla ricerca di batteri, i carrelli della spesa di alcuni supermercati di quattro Stati diversi.

Il risultato è stato sconcertante, anche se piuttosto prevedibile: nel 72% dei casi sono stati rilevati (sopratutto nelle manopole) batteri fecali, salmonella, e nel 50% Escherichia coli, agente fra i più aggressivi e resistenti che causa diverse infezioni: meningite, infezioni gastrointestinali e dell’apparato genito-urinario.

In poche parole, sempre in base agli studi, pare che la sporcizia annidata nei carrelli sia addirittura ben peggiore di quella presente nei bagni pubblici.

Praticamente i carrelli della spesa possono essere considerati tra gli oggetti di uso comune in assoluto più sporchi del mondo.

Il team di ricercatori, guidati dal professor Charles Gerba, ha voluto puntualizzare che lo studio non intende assolutamente creare facili allarmismi.

Piuttosto desidera attirare l’attenzione sia dei consumatori che della grande distribuzione organizzata sui possibili rischi per la salute e, soprattutto, spronare all’osservanza di più precise e severe norme igieniche.

Come difendersi da virus e batteri dei carrelli della spesa

Appare evidente che in qualche modo bisogna correre ai ripari, sopratutto se si hanno bimbi piccoli che, come ben sappiamo, quando si va al supermercato vengono messi a sedere nella parte anteriore del carrello e quindi a stretto contatto con la manopola in cui è più alta la concentrazione microbica.

Il suggerimento degli esperti  è quello di portare con sé un disinfettante ed utilizzarlo passandolo sul carrello prima di fare la spesa.

Oltre a ciò si raccomanda di evitare di portarsi le mani alla bocca dopo aver toccato le manopole e in aggiunta proteggere alimenti e cibi sfusi (come ad esempio la verdura e la frutta) mantenendo il guanto di plastica che si deve utilizzare quando si selezionano alimenti freschi e lavandosi subito le mani appena rientrati a casa.

Infine è consigliabile, una volta arrivati a casa, non introdurre le buste della spesa (poichè sono state a contatto col carrello), comprese quelle usate per frutta e verdura, all’interno del frigo per evitare di contaminare gli altri cibi.



Contromisure adottate dalla GDO

Alcuni supermercati statunitensi hanno pensato di offrire gratuitamente ai propri clienti delle salviettine disinfettanti per pulire i carrelli prima  di fare la spesa.

Nel frattempo, c’è chi ha pensato di sfruttare questa cosa trasformando in business la sterilizzazione dei carrelli della spesa.

La soluzione innovativa ben presto è stata adottata da diversi supermercati in in America, mentre nel bel paese sembra che ancora il problema non sia stato affrontato.

Vista la sempre maggior attenzione e consapevolezza dei consumatori, è presumibile che ben presto anche qui da noi i supermercati adottino soluzioni simili a quelle già in uso all’estero.

Il business della sterilizzazione dei carrelli

Le sterilizzatrici appositamente studiate che hanno permesso a Purecart di introdurre con successo il business negli states, in pochissimo tempo sono in grado di eliminare virus e batteri dai carrelli della spesa.

Macchine assomiglianti per certi versi agli autolavaggi automobilistici (anche se in questo caso si tratta di apparecchiature poco ingombranti e trasportabili facilmente) attraverso cui si fanno scorrere i carrelli che in pochi istanti tornano ad essere perfettamente igienizzati e sterilizzati.

Tecniche italiane

Fino ad oggi pensavamo che il business relativo a sistemi di sterilizzazione carrelli della spesa in Italia sembra non fosse ancora partito, ma c’è già che ha sviluppato l’idea (fin dal 2009) anche se non sembra essere ancora stata adottata su larga scala.

Molto piu’ semplice ed economica di costosi e complicati impianti di lavaggio

Nei giorni scorsi infatti, ad opera dello stesso titolare del brevetto, ci è stato segnalato da Franco Berto mio il salvamani,   la pratica, comoda, economica copertura monouso che isola dal manico del carrello evitando pericolose patologie infettive.





Vota l'Articolo


1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle6 Stelle7 Stelle8 Stelle9 Stelle10 Stelle
(1 voti - media: 10,00 su 10)
Loading...

Altro su:




Approfondimento





NON HAI TROVATO
LE INFORMAZIONI CHE VOLEVI?

CERCA NEL SITO