Ridurre i Consumi Elettrici Usando un Piccolo Robot

biro robot trova sprechiRisparmiare sulla bolletta della luce riducendo i consumi è una pratica ormai molto diffusa in nel bel paese, dove l’energia ha costi davvero esorbitanti. Se fino ad oggi si cercava di abbattere gli sprechi agendo in modo ipotetico, d’ora in poi lo si potrà fare in maniera molto più mirata ed efficace, grazie ad un congegno elettronico che presto sarà disponibile sul mercato.

Biro: il robot che abbassa la bolletta

Invenzione tutta italiana, frutto della creatività di uno studioso abruzzese (marco Santarelli), è un esclusivo strumento tecnologico capace di individuare consumi e sprechi elettrici in modo del tutto automatico.

Alimentato ad energia solare e dotato di un complesso meccanismo di monitoraggio, permette a chi lo utilizza di alleggerire le spese energetiche relative alla corrente elettrica, indicando e specificando come e dove viene usata più elettricità, dando modo a privati e imprese di agire in maniera mirata adottando le giuste strategie capaci di abbattere i costi fino al 30% circa.

Bastano 30 giorni affinchè Biro (questo il nome dato allo strumento che ha la forma del tutto identica a quella di un piccolo robottino giocattolo) raccolga le informazioni, le analizzi e indichi come e dove intervenire affinchè si riducano le spese.

L’esclusivo consulente energetico elettronico è alto circa 35 centimetri ed è alimentato da pannelli solari montati sulla schiena.

Ricorrendo alla sua vista a raggi a infrarossi è capace di  generare una sorta di mappa energetica dell’immobile in cui viene attivato.

La scheda di memoria di cui è dotato registra in tempo reale i dati dei consumi analizzandone l’andamento per un mese intero, dall’accensione allo spegnimento delle luci, all’assorbimento energetico da parte degli elettrodomestici, alla dispersione del calore.

Praticamente a monitoraggio concluso si potrà avere una riduzione effettiva dei consumi sapendo dove e come intervenire.

Così come lo stesso inventore spiega:

Biro permette di capire in che modo è utilizzata l’energia, individuare eventuali cause di sprechi e indicare quali interventi possono essere posti in essere, al fine di valutare non solo la fattibilità tecnica, ma anche e soprattutto quella economica delle azioni proposte, prevenendo gli atteggiamenti errati.

Un vero e proprio consulente energetico e già la sua costante presenza e attenzione in casa può far riflettere la famiglia sulle proprie cattive abitudini energetiche.

Si tratta di un ospite prezioso: basti pensare che la bolletta media della famiglia italiana potrebbe passare da 580 euro l’anno a 400, con un risparmio secco di 180 euro.

Al momento non è ancora dato di sapere il costo del robot elimina sprechi, anche se, molto probabilmente, lo si potrà prendere in affitto pagando una piccola somma forfettaria per il periodo in cui lo si terrà all’interno del proprio immobile.

Una novità, questa in arrivo (presumibilmente sul mercato a partire dai primi di settembre), che renderà più semplice la vita in casa, farà risparmiare corrente ed eviterà di buttar via soldi.




Altro su:



Condividi la notizia, basta un semplice click!