Ecommerce in Europa: Arrivano le Nuove Regole

ecommerceSegnali positivi per l’e-commerce in Europa. Non è da meno l’Italia dove sono in aumento i consumatori che acquistano sul web. Per tutelare maggiormente gli utenti e semplificare le procedure amministrative alle aziende che operano nella vendita online, nuove norme in arrivo adottate dal parlamento europeo.

Gli  emendamenti approvati sono finalizzati principalmente a fornire una maggiore sicurezza a tutti i consumatori che effettuano acquisti tramite il web e favorire il commercio elettronico.

Temi affrontati: accesso all’informazione, garanzie di spedizione del prodotto acquistato, diritto di recesso, acquisizione di prodotti digitali attraverso download, snellimento degli adempimenti amministrativi.

Dettaglio nuove regole ecommerce

Diritto di scelta informata
L’utente che acquista su internet oppure attraverso un catalogo, deve essere messo nelle condizioni di rilevare in modo semplice l’identità e l’indirizzo del venditore e nel contempo deve conoscere in modo chiaro il prezzo reale, comprensivo di tutti gli oneri, di ciò che sta comperando.

Non devono quindi esserci costi nascosti che solitamente vengono aggiunti alla fine della transazione generando confusione nell’utente.

Spedizione e responsabilità
Le aziende che operano nell’ecommerce devono essere in grado di far arrivare a destinazione la merce venduta entro un arco di tempo massimo fissato in 30 giorni.

Superato tale limite, l’utente può annullare l’ordine senza alcuna penale.

Inoltre il venditore avrà esclusiva responsabilità nel caso in cui, durante la spedizione, dovessero verificarsi danni o perdite della merce acquistata.

Se il prezzo di quanto acquistato supera i 40 euro, le spese di spedizione per restituire il prodotto saranno a carico del commerciante.

Esclusioni
Il diritto di recesso non si applica ai prodotti digitali, come ad esempio ebook,  musica e film, poichè in questi casi la vendita si ritiene conclusa all’atto del download da parte dell’utente.

Anche se le norme non sono ancora in vigore, sicuramente è utile conoscerle per i consumatori e per le aziende che vorranno iniziare a uniformarsi.

Diritto di recesso
Nei casi in cui il compratore non possa visionare il prodotto, ovvero nelle vendite a distanza o su catalogo o tramite aste online gestite da venditori professionisti, avrà 14 giorni di tempo per esercitare il diritto di recesso.



Altro su
>

Condividi la notizia, basta un semplice click!