Scaldare Casa Spendendo Poco

riscaldamento domesticoMolti vivono in appartamenti riscaldati e altrettanti in case fredde.

Con la crisi e il freddo dell’inverno che iniziano a farsi sentire, si ripresenta per tutti la necessità di scaldare la propria abitazione spendendo il meno possibile.

Qualche utile consiglio per difendersi dal freddo in modo economico.

La cosa migliore da fare sarebbe quella di rifare eventuali vecchi impianti e sostituire la caldaia, se molto datata, con nuovi apparecchi più efficienti.

Purtroppo effettuare tali interventi comporta dei costi tutt’altro che irrisori.

Ecco che allora risulta indispensabile trovare accorgimenti alternativi per riuscire a scongiurare il freddo senza grosse spese.

Isolare la casa spendendo poco

Teniamo ben in mente che si può iniziare a risparmiare sul riscaldamento domestico riducendo innanzitutto le dispersioni di calore visto che questo è uno dei fattori che influenza maggiormente i consumi.

Isolamento dei muri

Per isolare le pareti della casa che danno sull’esterno in modo economico ed efficace, si possono utilizzare dei pannelli in polistirene.

Questo materiale ha la caratteristica (oltre a costare poco) di essere un ottimo isolante termico che non marcisce, non ammuffisce e di conseguenza non crea funghi, batteri o altri microorganismi.

Costo al metro quadro: circa 5 euro; praticamente con una spesa media di 300 euro  (considerando che bisogna acquistare anche delle particolari viti e tasselli in plastica che serviranno per l’applicazione) e un paio di giornate di lavoro fai da te l’isolamento è assicurato.

Attrezzi necessari: un trapano elettrico, una punta e un taglierino.

Il polistirene (EPS) oltre che costare poco è atossico, inerte e non contiene clorofluorocarburi nè idroclorofluorocarburi.

Non costituisce quindi un pericolo per l’igiene ambientale e per le falde acquifere; per questo viene molto usato per le coibentazioni nell’edilizia, tenuto conto che, non rilasciando gas tossici, non presenta alcun fattore di pericolo per la salute umana.

Soluzione a costo zero al posto dell’utilizzo del polistirene è quella di spostare (ove possibile) i mobili della casa sulle pareti che danno all’esterno.

In tal modo, anche se con efficacia molto ridotta, saranno almeno in parte abbassate le dispersioni dovute al freddo che penetra dai muri.

Oltre alle facciate della casa, l’isolamento termico andrebbe fatto anche al sottotetto (ad esempio con argilla espansa), al solaio e alla cantina.

Isolamento degli infissi

Eventuali infissi danneggiati o in cui sono presenti spifferi, andrebbero sostituiti  optando per nuove porte o finestre ad alta efficienza energetica.

Gli infissi ad alta efficienza energetica contribuiscono considerevolmente a ridurre i consumi non solo per il riscaldamento ma anche riguardo il raffrescamento domestico in estate.

Metodo molto efficace ma purtroppo non alla portata di tutte le tasche.

Tapparelle

In alternativa alla sostituzione dei serramenti, si possono ridurre al minimo le dispersioni di calore da porte e finestre anche installando delle tapparelle (che costano molto meno rispetto agli infissi).

Le tapparelle devono essere possibilmente di color argento o bianco (colori che respingono il calore mantenendo quello prodotto all’interno della casa).

Doppi vetri

Applicare i doppi vetri a porte e finestre fa sì che il calore non si disperda verso l’esterno.

Si stima infatti che circa il 20% della perdita del calore negli ambienti domestici avviene attraverso i serramenti.

Per isolarli al meglio si usano appunto i doppi vetri, la cui installazione tende ad eliminare l’intenso spreco di calore di queste zone fredde della casa.

Il principio dei doppi vetri è basato sul fatto che l’installazione presume appunto l’impiego di 2 vetri distanziati. 

Quanto più le lastre sono separate tra loro, maggiore sarà l’isolamento ottenuto.

Per l’installazione si possono sostituire i vecchi vetri con le nuove lastre oppure in alternativa si può aggiungere una seconda intelaiatura a quella già esistente permettendo così di avere due finestre sovrapposte.

Online si trovano diverse guide che spiegano dettagliatamente come montare da soli i doppi vetri a porte e finestre in maniera semplice, efficace ed economica.

Altre opzioni a costi ridottissimi per chi non può affrontare le spese sopra descritte sono riportate di seguito.

Tende impermeabili

Applicate a stretto contatto con le finestre, preferibilmente dall’esterno, riducono gli spifferi che entrano in casa.

Se montate all’interno della casa, per ovviare all’antiestetico effetto visivo, possono essere montante dietro ad ulteriori tende in tessuto, più gradevoli da vedere e che non rovinano l’aspetto estetico dell’ambiente domestico.

Guarnizioni supplementari

Sostituendo quelle già esistenti o applicandone di supplementari ai serramenti si riducono gli eventuali spazi da cui il caldo potrebbe uscire o il freddo entrare.

Spugnette adesive

Costano pochi euro, si inseriscono facilmente grazie alla pellicola adesiva di cui sono dotate e servono a evitare che i fili d’aria fredda entrino in casa. Purtroppo oltre al prezzo, è molto bassa anche la loro l’efficacia.

Salvaspifferi

I famosi rotoli di stoffa della nonna riempiti di sabbia, addossati al bordo inferiore delle porte, fanno in modo che non passi l’aria fredda.

Al costo di pochi euro si trovano online delle versioni più moderne ed efficaci, composte da due rulli di materiale isolante rivestiti in PVC.

I cosiddetti salva spifferi intelligenti si infilano sotto le porte e i due rulli rimangono posizionati uno all’interno ed uno all’esterno così da bloccare completamente gli spifferi.

Essendo incastrati sotto, i rulli si muovono insieme alla porta quando viene chiusa o aperta senza bisogno di essere spostati ogni volta.

Foglio isolanti per radiatori

Sono dei fogli in alluminio che isolano dal freddo e riflettono il calore emanato dai radiatori verso l’ambiente, evitando la dispersione termica. 

Si trovano in commercio già provvisti di biadesivo per una facile applicazione.

Infine si possono ridurre i costi di riscaldamento adottando gli accorgimenti indicati di seguito:

  • isolamento termico delle tubazioni per il riscaldamento tramite coibentazione con apposite guaine termo isolanti;
  • riduzione di un grado della temperatura in casa;
  • facilitazione della distribuzione ottimale del calore nell’ambiente evitando di coprire i termosifoni con tende o rivestimenti;
  • sfiato a cadenze regolari delle valvole dei termosifoni per ottimizzarne la resa;
  • manutenzioni periodiche dell’impianto termico.


APPROFONDIMENTO: