Stage e Tirocini Formativi: la Retribuzione è Obbligatoria per Legge

Finalmente arriva lo stop definitivo agli stage gratuiti. Con l'entrata in vigore della legge Fornero infatti, i tirocini formativi devono essere obbligatoriamente pagati con una cifra mensile minima che non potrà mai essere inferiore ai 300 euro.

Passibile di denuncia chi non rispetta tali regole che, fermo restando l'importo base, sono diverse per ogni regione italiana.

Occorre precisare che l’obbligo riguarda esclusivamente i tirocini extracurriculari, quelli fatti al di fuori del percorso universitario o di programmi formativi.

Rimborso spese tirocinanti: casi di esclusione

Ad essere esclusi sono gli stage previsti dai programmi comunitari di formazione e i tirocini previsti per l’accesso alle professioni ordinistiche come ad esempio avvocati, notai, ecc, settori in cui guarda caso, cui c'è il maggior sfruttamento.

Retribuzione degli stage: importi medi mensili

Dopo che ogni regione ha stabilito i propri criteri, cosa già avvenuta, è emerso che i tirocinanti saranno rimborsati in maniera più congrua solo in alcune regioni piuttosto che in altre.

Ad esempio in Piemonte e in Abruzzo (da 600 euro in su), mentre riceveranno un indennizzo minore gli stagisti di Sicilia, Umbria e Friuli Venezia Giulia (il minimo).

Nelle restanti regioni il rimborso medio oscilla dai 400 in Lazio, ai 450 euro in Emilia Romagna, fino ai 500 euro della Toscana.

Indennizzo tirocini e stage: dettaglio regione per regione

Ribadendo che in nessun caso si può scendere al di sotto dei 300 euro mensili, vediamo ora gli importi dettagliati per ogni singola zona del bel paese, in ordine alfabetico.

Abruzzo: 600 euro.

Basilicata: 450 euro.

Bolzano: 3 euro all'ora ai minori di 18 anni – 4 euro all'ora ai maggiorenni. Maggiorazione di un euro all’ora se la sede del tirocinio si trova al di fuori del Comune di residenza o domicilio (Tirocini di orientamento e formazione). Per tirocini di inserimento o reinserimento 400 euro.

Calabria: 400 euro.

Campania: 400 euro.




Altro su:



Condividi la notizia, basta un semplice click!