Vacanze Gratis in Tutto il Mondo

planisferoLe vacanze per molti stanno diventando un lusso, sopratutto per gli studenti, i precari e i disoccupati che non possono permettersi di viaggiare. Una nuova tendenza che sta prendendo sempre più piede in tutto il mondo, offre l’opportunità di trascorrere un periodo di ferie riducendo quasi a zero i costi.

Tolte infatti le spese di viaggio (biglietto aereo, treno ecc), il workaway permette a chiunque di trascorrere un periodo di vacanza nel luogo prescelto, praticamente senza spendere un soldo.

Cos’è e come funziona il work away

Si tratta di una sorta di baratto basato sull’ospitalità: il viaggiatore trascorre gratis un periodo di tempo prestabilito all’interno di una famiglia, ed in cambio offre la propria collaborazione nello svolgimento dei lavori domestici e in una serie di attività che rispecchiano gli studi fatti, le proprie conoscenze tecniche o le esperienze lavorative acquisite.

Impiegando parte del proprio tempo nel lavoro, non solo si riceve vitto e alloggio, ma anche l’opportunità di conoscere nuova gente, nuove culture, usi e costumi del luogo scelto per trascorrere la vacanza lavoro.

Lavori da svolgere

Spesso vengono ricercati volontari con competenze specifiche, quali la conoscenza di una specifica lingua o alcune abilità pratiche.

La famiglia, l’ente o l’azienda disposta ad offrire ospitalità gratuita potrebbe aver bisogno del vostro aiuto per diverse mansioni. Ad esempio: pitturazione della casa, giardinaggio, baby sitting, cucina, mansioni d’ufficio, corsi di lingua, realizzazione sito web, ecc.

Una media di 5 ore di lavoro al giorno per 5 giorni a settimana, in cambio della vacanza. Naturalmente questo è negoziabile con i padroni di casa.

Ben inteso che il concetto non è quello di cercare manodopera a basso costo da chi offre ospitalità, bensì offrire un scambio equo in cui l’ospite sarà messo a proprio agio per sentirsi parte integrante della famiglia.

Il beneficio quindi è evidente per entrambe le parti in causa.

Durata delle vacanze

Non c’è un limite di tempo prestabilito. Solitamente all’inizio vengono presi accordi di tempi brevi (una settimana, 10 giorni), in modo che gli hosts (chi offre ospitalità) e i workawayers (gli ospiti) possano rendersi conto se si trovano bene, vanno d’accordo, ecc.



Pagine: 1 2




LEGGI ANCHE: