Sospensione Rate Mutuo: Nuova Proroga

Prorogata al 31 Gennaio 2012 la data ultima per richiedere la sospensione delle rate dei mutui. Chi ha difficoltà economiche può richiederlo presentando domanda entro il nuovo termine indicato, a condizione che le cause scatenanti si siano verificate o si verifichino (speriamo di no) entro il 31 dicembre 2011.


L’accordo siglato tra molte delle più importanti associazioni dei consumatori (Acu, Adiconsum, Adoc, Assoconsum, Assoutenti, Casa del consumatore, Cittadinanzattiva, Confconsumatori, Federconsumatori, Lega consumatori, Movimento consumatori, Movimento difesa del cittadino, unione nazionale consumatori) e l’Abi (Associazione Bancaria Italiana) ha reso possibile l’ulteriore proroga.

Questo per andare incontro e dare sollievo a numerose famiglie e single che a causa della crisi economica si erano trovati nell’impossibilità momentanea di far fronte agli impegni intrapresi con le banche per l’acquisto della prima casa.

Requisiti per la sospensione del mutuo

Può essere richiesta per almeno un anno dai nuclei a basso reddito (fino ad un massimo di 40 mila euro lordi l’anno) e dalle famiglie che hanno avuto un imprevisto come ad esempio perdita del posto di lavoro cassa integrazione, decesso di uno dei componenti del nucleo familiare, malattie, insorgenza di condizioni di non autosufficienza.

La misura si applica anche nei confronti dei clienti che presentano ritardi nei pagamenti delle rate del mutuo fino a 180 giorni consecutivi.

Non potrà invece avvalersi della proroga chi ne ha già usufruito in precedenza.

L’Abi fa sapere che fino al 31 maggio sono stati già sospesi 46.308 mutui, per un valore totale di oltre 5,5 miliardi di euro.

Queste sospensioni hanno concesso alle famiglie interessate 339 milioni di euro complessivi di liquidità.

Purtroppo l’iniziativa sembra non essere abbastanza efficace visto che i requisiti per usufruire della moratoria escludono circa 400.000 soggetti interessati tra i 500 mila che si trovano nella medesima situazione.

Secondo il Codacons infatti (associazione che ha contestato l’iniziativa rifiutandosi di aderire) le famiglie coinvolte nella sospensione delle rate dei mutui sono state appena 31 mila, praticamente una goccia nell’oceano.

L’accordo quindi sembra più una trovata con cui le banche potranno promuoversi a costo zero, senza alcun beneficio per la maggior parte delle famiglie escluse dalla sospensione del pagamento delle rate del mutuo.


Se l'Articolo ti è Stato Utile Condividilo su Facebook Twitter o Google plus.
Potrebbe Servire a Tante Altre Persone!

Leggi anche:


Simulatore di rate del Mutuo