Risparmiare Telefonando Gratis con gli Smartphone

Una nuova applicazione gratuita disponibile online da pochi giorni e già scaricata da più di un milione di persone, consente di telefonare a costo zero in tutto il mondo utilizzando un qualsiasi smartphone collegato ad internet tramite Wi-fi oppure su rete 3G (UMTS).


L’applicazione è leggera, gratuita e non richiede registrazione.

Basta scaricarla, installarla, inserire il codice che viene inviato tramite sms e cominciare a telefonare rigorosamente a costo zero.

Addio bollette o ricariche telefoniche, per sempre. O almeno si spera.

Unica condizione: invitare i propri conoscenti a installare la stessa applicazione sul proprio smartphone, perchè per riuscire a chiamare gratis bisogna avere un piccolo software installato.

Non ci vorrà molto visto l’incredibile opportunità di risparmio che Viber consente ottenere.

Anzi ad essere precisi, più che di risparmio si può parlare di un totale abbattimento dei costi delle chiamate, cosa impensabile fino ad oggi.

Il sistema, secondo quanto dichiarato da chi ha avuto modo di testare il programma, funziona ottimamente sia in rete 3G che in modalità Wi-Fi.

Consente quindi di chiamare e ricevere telefonate senza scatti o ritardi di voce e con una qualità audio superiore a quella delle normali reti telefoniche.

L’ audio è fluido e pulito, si avvertono vaghi accenni di ritardo e la connessione risulta essere piuttosto stabile.

Ovviamente gli interlocutori devono avere entrambi l’applicazione installata sul proprio smartphone.

A dire il vero la cosa era già fattibile con Skype, anche se bisognava prima registrarsi e accreditare i contatti.

Viber invece non ha bisogno di questi passaggi ed è di una semplicità disarmante.

Per telefonare gratis bastaandare nell’App Store e installare Viber, verificare la presenza di altri utenti Viber nella propria rubrica, cliccare per chiamarli e godersi la telefonata.

L’applicazione importa la rubrica dello smartphone e verifica quali numeri sono già iscritti nel database.




Clicca Mi Piace o Condividi l'Articolo

Leggi anche: