Testi Scolastici Scontati per Risparmiare

libri scolasticiLa caccia al risparmio sui libri di scuola prima inizia meglio è. Percorso obbligato ed efficace sicuramente la consultazione del web se davvero si vogliono ridurre al minimo le spese scolastiche.

Dove trovare altrimenti in modo facile e veloce suggerimenti e consigli per spendere meno su testi e dotazioni scolastiche se non navigando in internet?

Di seguito ho cercato di riassumere in un solo articolo, per facilitare il compito di ricerca e consultazione, tutte le informazioni necessarie affinchè il risparmio sui libri di scuola diventi semplice e alla portata di tutti.

Acquisto testi librari su internet

Per diversi motivi sui quali ti consiglio di informarti, ogni anno sono sempre di più gli studenti e le loro famiglie che si affidano ad Amazon per acquistare i libri. Sconto certo e reale, niente perdite di tempo, consegna gratuita al domicilio indicato nel giro di pochi giorni.

Per saperne di più leggi l’articolo riguardante i
libri scolastici su amazon.

 

Tetti di spesa libri scolastici 

L’anno scorso è stato previsto un abbattimento dei tetti di spesa del 20%, percentuale che sale al 30% se l’intera dotazione libraria sarà composta esclusivamente da libri in versione digitale.

Con la riapertura delle scuole a settembre, nessun aumento del tetto di spesa sui libri a parte l’eventuale rivalutazione dei prezzi sulla base del tasso d’inflazione.

Buoni Libri

Si tratta di un contributo sotto forma di voucher spendibile nelle librerie convenzionate della propria città che permette di usufruire gratuitamente della dotazione scolastica libraria, a patto di possedere i requisiti richiesti che variano da città in città.

Buono libri e risorse finanziarie 

Quest’anno sono disponibili 103 milioni di Euro proprio per la fornitura di libri scolastici gratis attraverso le cedole librarie in favore di studenti appartenenti a nuclei familiari a basso reddito.

Clicca sul seguente link e scopri tutti i
requisiti per ottenere il bonus libri
.

Libri scolastici digitali obbligatori

Non si sa ancora da quando, ma tra qualche anno i libri dovrebbero essere esclusivamente in versione ebook; all’inizio solo per le classi prima e quarta della scuola primaria, la classe prima della scuola secondaria di primo grado, la prima e la terza classe della secondaria di secondo grado.

Mercatini dei libri scolastici usati

Organizzati praticamente in ogni parte d’Italia, rappresentano il punto di riferimento per studenti e famiglie che intendono acquistare testi per la scuola di seconda mano a prezzi scontati, arrivando a risparmiare fino al 50% sul prezzo di copertina.

Libri di testo scontati al supermercato

La grande distribuzione, nonostante sia vietato fare sconti sui libri di testo, permette comunque di ottenere un risparmio sui testi nuovi poichè, nella maggior parte dei casi, pur rispettando la legge, riconosce un buono sconto, oppure un buono spesa pari al 20 % dell’importo speso per l’acquisto dei libri di scuola.

Clicca sul seguente link e consulta le
offerte di risparmio sui libri della grande distribuzione
.

Libri di scuola usati online

In attesa dell’adozione degli e-book che ormai ben presto diventeranno una realtà, sono sempre di più anche i mercatini dei libri scolastici usati online.

Non solo dedicati alla vendita o l’acquisto, ma anche al baratto dei libri usati per scuole medie, superiori e per le università grazie ai quali ci si può dotare dei testi necessari senza muoversi da casa, seduti comodamente davanti al computer.

Sui siti online, tuttavia, è più difficile verificare lo stato d’usura dei libri, con la presenza di sottolineature, segni grafici e pagine rovinate: meglio chiedere informazioni specifiche prima dell’acquisto.

Altre idee per risparmiare sui libri di scuola possono essere trovate consultando le informazioni e gli altri articoli sull’argomento riportati di seguito.

Libri di scuola: i segreti del risparmio

In ordine sparso, altre notizie utili che permettono di abbattere concretamente le spese relative ai libri scolastici:

– controllare che la scuola non sfori il tetto massimo fissato dal MIUR (accade più spesso di quanto si possa credere);

– accertarsi che le scuole rispettino l’obbligo di mantenere l’uso dei medesimi testi testo per cinque anni riguardo la scuola primaria e per 6 anni riguardo le scuole secondarie;

– occhio alle nuove edizioni poichè spesso a parte il prezzo (sicuramente più alto), il titolo, l’impaginazione e qualche immagine, i contenuti sono praticamente identici e quindi si può acquistare senza alcun problema la versione precedente se disponibile usata.

Infine, per chi si appresta ad intraprendere un percorso di studi superiori, vale la pena prediligere, a parità di percorso formativo, una delle tante scuole (sono in costante aumento) che permettono di usufruire di libri scolastici low cost scritti dagli stessi docenti.




Altro su:



Condividi la notizia, basta un semplice click!