Tassa Imu: Ecco chi non Deve Pagarla

Diverse categorie di immobili saranno esentate dal pagamento dell’IMU, la tanto odiata nuova tassa sugli immobili che ha sostituito la vecchia ICI. Di seguito l’elenco completo ed aggiornato di tutte le categorie di terreni e fabbricati che non dovranno pagarla.

Sono esclusi dal pagamento IMU tutti i fabbricati terreni ed immobili di qualsiasi genere appartenenti agli enti pubblici, ovvero di proprietà dello Stato, delle Regioni, delle Province e dei comuni.

Non pagheranno l’IMU anche le comunità montane e i loro consorzi, gli enti del servizio sanitario nazionale, gli immobili destinati esclusivamente a compiti istituzionali.

Esenzione totale dal pagamento della nuova tassa sugli immobili anche per tutti i fabbricati classificati o classificabili nelle categorie catastali da E/1 a E/9.

Rientrano nella suddetta classificazione le seguenti categorie di immobili:

  • Stazioni per servizi di trasporto, terrestri, marittimi ed aerei;
  • Ponti comunali e provinciali soggetti a pedaggio;
  • Costruzioni e fabbricati per speciali esigenze pubbliche (edicole per giornali e simili, chioschi per bar, per rifornimenti di auto, per sale di aspetto di tranvie, ecc., pese pubbliche, ecc.);
  • Recinti chiusi per speciali esigenze pubbliche (per mercati, per posteggio bestiame, ecc.);
  • Fabbricati costituenti fortificazioni e loro dipendenze;
  • Fari, semafori, torri per rendere d’uso pubblico l’orologio comunale;
  • Fabbricati destinati all’esercizio pubblico dei culti;
  • Fabbricati e costruzioni nei cimiteri, esclusi i colombari, i sepolcri e le tombe di famiglia;
  • Edifici a destinazione particolare non compresi nelle categorie precedenti del gruppo E, comprese le discariche per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani, quando la loro gestione è senza scopo di lucro.

L’esenzione riguarda poi i fabbricati destinati ad usi culturali, cioè destinati a sedi aperte al pubblico di musei, pinacoteche, biblioteche, archivi, cineteche ed emeroteche quando al possessore non derivi alcun reddito dall’utilizzazione dell’immobile.

Nessun pagamento anche nel caso di terreni, parchi e giardini che siano aperti al pubblico o la cui conservazione sia riconosciuta di pubblico interesse.

Imu non dovuta, infine, per tutti gli immobili destinati all’esercizio del culto, comprese le pertinenze, per i fabbricati di proprietà della Santa Sede e per i fabbricati appartenenti agli Stati esteri ed alle organizzazioni internazionali per i quali era prevista l’esenzione dall’imposta locale sul reddito dei fabbricati (Ilor), a seguito di accordi internazionali resi esecutivi in Italia.

Esenti anche i terreni agricoli svantaggiati, per i quali sono confermate le regole in vigore per l’Ici.

Importante: poichè le norme che regolamentano l’Imu sono soggette a repentine modifiche, è bene accertarsi che le esenzioni riportate in questo articolo non abbiano nel frattempo subito variazioni.

Scopri cosa c’è da sapere sul rimborso Imu, tema molto dibattuto negli ultimi tempi i cui sviluppi possono rivelare diverse sorprese.




Altro su: >



Condividi la notizia, basta un semplice click!