Staffetta Generazionale per Combattere la Disoccupazione

staffetta generazionaleStaffetta generazionale contro la disoccupazione per creare 100 mila nuovi posti di lavoro; con una riduzione, secondo l’attuale esecutivo, della percentuale di chi non ha lavoro pari all’8%. Il nuovo piano giovani modificherà la riforma Fornero anticipando il pensionamento dei dipendenti pubblici più anziani per favorire l’ingresso dei giovani nel mondo del lavoro.

Staffetta generazionale: di cosa si tratta

Il suddetto termine configura un sequenziale scambio dell’organico rappresentato da lavoratori vicini all’età della pensione, con il subentro e la relativa nuova assunzione di personale giovane nelle aziende, in particolar modo quelle pubbliche.

Fondamentalmente si tratterebbe di un graduale ricambio generazionale in ambito lavorativo: chi tra pochi anni completerebbe la propria carriera, potrebbe usufruire dell’opportunità immediata di lavorare a tempo parziale, a stipendio e orari ridotti, dando l’opportunità alle nuove leve (di età inferiore ai 35 anni) di essere assunte.

Fermi restando gli importi contributivi che continuerebbero ad essere versati per intero, a carico dell’azienda o a spese dello Stato, con un costo per le casse erariali stimato in 1 miliardo di euro circa.

In questo modo, l’indennità di pensione che il lavoratore in uscita andrebbe a percepire, si ridurrebbe però di quanche punto.

Anche perchè l’idea allo studio, ipotizza l’uscita anticipata per il lavoratore che ha conseguito 35 anni di contributi e che potrebbe andare in pensione dopo i 62 anni, a patto di accettare una decurtazione dell’assegno dell’8%.

Il provvedimento della staffetta generazionale sicuramente sarebbe gradito ai giovani in cerca di lavoro, probabilmente un pò meno dai lavoratori in uscita.

Questi ultimi infatti, sarebbero di certo impauriti di potersi ritrovare in qualche situazione sfavorevole, così come è già successo per gli esodati che, pur avendo sottoscritto accordi formali, tutt’ora si trovano in una specie di limbo dal quale l’uscita sembra ancora incerta (senza lavoro, senza indennità di disoccupazione e senza pensione).




Altro su:



Condividi la notizia, basta un semplice click!