Rottamazione Debiti Equitalia: I Dubbi Restano

Ebbene sì; quella della rottamazione delle cartelle Equitalia pare essere diventata un tira e molla di sentito dire, di forse, di potrebbe anche darsi che, ecc… ecc…   I diretti interessati (i poveri contribuenti con qualche pendenza fiscale) in realtà sono solo confusi e frastornati da questo fiume di notizie rilasciate da organi di informazione non sempre ufficiali, social, media, ecc… che non sempre riportano fedelmente le notizie; creando per l’appunto solo un gran frastuono.

Prima della pubblicazione della norma i contribuenti avevano avuto l’impressione di poter in qualche modo risolvere le pendenze fiscali, grazie alla cancellazione delle sanzioni, degli aggi, degli interessi di mora e delle somme aggiuntive.

Rottamazione Debiti Equitalia

O almeno questo è ciò che trapelava riguardo la nuova rottamazione cartelle Equitalia.

Addirittura si parlava anche della riduzione del 25% del dovuto su capitali e interessi per i carichi affidati ad Equitalia prima della data del  31.12.2010.

Ma poi, il 24 ottobre 2016, è giunta la pubblicazione del decreto legge e i contribuenti hanno scoperto la triste verità: nessuna  eliminazione dell’aggio (che nelle cartelle esattoriali è una delle voci che rende il debito più pesante),  della riduzione del carico al 75% del dovuto non se ne parla proprio; e per finire niente più eliminazione delle somme aggiuntive.  Una bella doccia fredda!

E’ bene comunque precisare che le Commissioni di Bilancio e Finanze stanno ancora discutendo sugli emendamenti in esame e quindi nessuno può dire per certo come potrebbe essere definito il calcolo della rottamazione.

Equitalia dal canto suo non vuole e non intende rilasciare alcun dato agli utenti riguardo le possibili riduzioni dei carichi pendenti, in quanto ha dichiarato che il  software che la Sogei (la società incaricata di predisporre i programmi di calcolo dell’Agenzia delle Entrate) doveva consegnargli  non è ancora pronto.

Stando così le cose si possono solo fare degli esempi in generale per tentare di capire il comprensibile.




Altro su:



Condividi la notizia, basta un semplice click!