Risparmiare e Guadagnare Coi Negozi dell’Usato

Rimettere in vendita ciò che non si usa più ma che è ancora in buone condizioni, può rappresentare una valida opportunità di guadagnare soldi extra sbarazzandosi di cose che ormai servono solo ad occupare posto in casa, mentre invece può essere utile a qualcun altro ben disposto a comprarlo usato per risparmiare denaro grazie al prezzo ridotto.

In pratica ci guadagnano tutti: chi vende e chi compra.

In questi ultimi anni si stanno diffondendo dagli Stati Uniti alcune tendenze green ed ecocompatibili, spinte da testimonial particolarmente noti come ad esempio Michelle Obama moglie dell’attuale presidente USA Barak Obama  e l’attrice Nicole Kidman.

Anche grazie a queste mode, che spesso nascono oltreoceano per poi sbarcare anche in Italia,  c’è stata nel bel paese una riscoperta del consumo critico, una maggior attenzione agli acquisti, ai prezzi e alle caratteristiche dei prodotti.

Proprio in quest’ottica si sono sviluppate in modo particolare due catene di negozi, diffuse in tutta la nazione e basate sul sistema del riuso: Mercatopoli e Baby Bazar.

Il primo è un network di punti vendita dell’usato con uno stile innovativo, moderno ed organizzato, il cui scopo è di ridurre al minimo il consumismo e far adottare alle persone la filosofia del riuso.

La logica di base è tanto semplice quanto chiara: tutto ciò che non serve più non deve essere accantonato o buttato via, bensì può essere rimessa in vendita per essere riutilizzata da altre persone che ne hanno bisogno e possono entrarne in possesso comprandola usata a prezzo ridotto.

Ci sono molte persone interessate a ciò che noi non sfruttiamo e teniuamo chiuso in armadio, in soffitta, in garage o nello sgabuzzino.

Dunque un metodo intelligente per dare nuova vita agli oggetti, evitare sprechi inutili e guadagnare un po’ di denaro è metterli in vendita con Mercatopoli.

Oltre a vendere gli oggetti, a Mercatopoli si possono trovare in esposizione tantissimi prodotti interessanti a prezzi molto inferiori rispetto a quelli del nuovo.

Un sistema interessante per acquistare ciò di cui si ha bisogno con un risparmio che fa gola a tutti, anche perché si tratta sempre di oggetti attentamente selezionati, ben tenuti e di buona qualità.

Allo stesso modo funziona l’altro franchising, Baby Bazar, rivolto a tutto ciò che riguarda il mondo dei piccoli.

Solo che in questo caso cambiano i prodotti, perché in questi negozi si trattano esclusivamente articoli per bambini da 0 a 12 anni.

Spesso e volentieri i genitori non possono fare a meno di constatare il fatto che le cose che servono ai propri piccoli hanno un costo tutt’altro che contenuto.

Considerato poi che i bimbi crescono in fretta e molti oggetti, capi di vestiario scarpe, e tanta altre cose si usano per tempi molto ridotti, diventa quasi uno spreco di denaro acquistare il nuovo.

Non di rado infatti, gli oggetti per bambini vengono accantonati quasi nuovi.

Alla luce di tali considerazioni è nata l’idea di Baby Bazar: negozi in cui i genitori possono portare ciò che ai figli non serve più e realizzare denaro col sistema del conto vendita.

Oltre a questo, potranno scegliere di comprare ciò di cui i bambini hanno bisogno a prezzi molto ridotti rispetto a quelli del nuovo.

Fare acquisti tramite i negozi dei due circuiti vuol dire garantirsi una possibilità rilevante di risparmio e scoprire dei negozi in cui vendere i propri oggetti quando non se ne ha più bisogno.

Le persone che entrano in contatto con questa realtà ci si affezionano così tanto da non riuscire più ad acquistare nei negozi tradizionali e addirittura alcuni decidono di aprire anch’essi un proprio negozio.

Le nuove aperture sono infatti in continuo aumento e chi decide di affiliarsi al network lo fa sia perché crede molto nell’usato sia perché si rende conto di aver imboccato un settore di mercato nuovo e destinato ad espandersi.

I vantaggi commerciali per chi si affilia sono dati dall’esperienza del gruppo e dallo staff di professionisti in grado di seguire gli affiliati in modo costante in tutti gli ambiti lavorativi.

L’assistenza continua e le grandi prospettive attuali e future del settore lasciano ampio spazio di guadagno sia per chi li sceglie come cliente sia per chi li sceglie come attività lavorativa e, quindi, come stile di vita al completo.



Altro su

Condividi la notizia, basta un semplice click!