Risparmiare a Natale

Dicembre: forse è il mese più bello dell’anno; addobbi natalizi. aria di festa, profumi, suoni, atmosfere luci e quant’altro lo rendono un mese quasi magico…   Ma è facile farsi prendere la mano e ritrovarsi con il conto corrente in rosso proprio come rosso è il colore di Babbo Natale.  Ecco perchè qualche piccolo consiglio può aiutarci a risparmiare ma allo stesso tempo a rendere comunque magico il nostro Natale.

Presi come siamo dalla nostra vita così intensa e piena di impegni, ci dimentichiamo molto spesso del vecchio amico di corso, piuttosto della nonna: anche se vive giù all’angolo; o di andare a trovare lo zio operato da poco… Bene; perchè allora non regalare del “tempo” ai nostri cari?

Come Risparmiare a Natale

Invece di spendere soldi in oggetti magari inutili, queste persone potrebbero aver piacere a passare del tempo con te; e allora regala loro un buono per una chiacchierata, o per un the o una passeggiata insieme.

Altro modo per risparmiare è quello di fare gli addobbi in casa. Basta passeggiare per le vie del centro per vedere attività commerciali o abitazioni private ricche di addobbi ogni anno più belli, ma non dimentichiamoci che non fanno arredo tutto l’anno: servono solo per quelle due settimane di festa quindi non sarà forse un po’ esagerato?

Forse sarebbe meglio invece farli in casa in compagnia magari dei propri bambini. Sicuramente non saranno perfetti, ma avranno molto più significato e creeranno quella magica atmosfera di cui parlavamo all’inizio…

E cosa dire allora dei giochi per i nostri bambini? Al giorno d’oggi sono abituati a tecnologie da fare invidia alla NASA, non come i vecchi giochi dei nostri tempi.

Chissà che faccia farebbero davanti ad uno dei nostri vecchi giocattoli! Beh; potremmo anche scoprirlo: basta fare un salto in cantina e cercarne uno da rimettere un po’ in sesto per i nostri figli.  Sarà un modo per arricchire, affianco ai giochi moderni, il sacco di Babbo Natale…

E poi: cene, pranzi e cenoni: basta stare insieme. Gli invitati portano sempre qualcosa e così ci si ritrova con 5 bottiglie di vino oppure niente vino ma 5 dolci diversi. E se invece di lasciar fare al caso facessimo delle richieste precise? Condividiamo il menù delle feste.

Se ogni invitato porta qualcosa il pranzo o la cena che sia sarà prima di tutto meno faticoso per la padrona di casa, e poi sarà più completo. Luigi porta l’antipasto, Mario ed Agnese portano il dolce, Enzo è uno specialista di vini. Il pasto diventa da nababbo e il portafoglio meno vuoto.



Altro su

Condividi la notizia, basta un semplice click!