Limite Pagamento Contanti: 3 Mila Euro la Nuova Soglia

soglia contanti 2015Nuovo limite pagamento contanti a 3 mila euro, parola di Renzi. L'innalzamento della soglia di pagamento in denaro che attualmente si attesta a 999,99 euro, se approvato dovrebbe entrare in vigore in tempi brevi, con l'obiettivo di dare un pò di slancio ai consumi interni.

La misura riguardante il nuovo tetto al contante sarà inserita nella legge di stabilità in discussione giovedì prossimo nelle aule parlamentari, al fine di riportare l'Italia ai livelli degli altri paesi europei.

Ben 5 le mozioni sull'argomento presentate da parte di diversi gruppi politici: Partito democratico, Nuovo centro destra,  Scelta civica e Gruppo Misto.

Qualora la disposizione diventi operativa, a gioirne saranno sopratutto i commercianti e comunque più in generale tutti i rivenditori al dettaglio e chi ha a che fare coi consumatori finali.

Tali categorie infatti finora si erano dichiarate fortemente penalizzate dalla limitazione sull'uso della carta moneta avvenuta con la manovra Monti e risalente al dicembe del 2011 (Decreto salva Italia, art 12 comma 1 D.L. 6 dicembre 2011 n 201).

Questo in seguito all'entrata in vigore della legge secondo cui, per pagamenti di importo uguale o superiore ai mille euro, si dovettero e si devono tutt'ora obbligatoriamente usare assegni, carte di credito, bonifici bancari o più in generale qualsiasi metodo di pagamento tracciabile.

Probabilmente ne sarà contenta anche una parte della massa di evasori benestanti che fino ad oggi, per paura di incorrere in controlli da parte dell'Agenzia delle Entrate, evitava di spendere o peggio ancora spendeva all'estero, creando, oltre al danno erariale, anche un danno economico ai consumi interni. 

Certo è che se le economie forti non pongono di questi freni a chi ha soldi da spendere, un motivo ci sarà. 

Sarà questo che ha fatto sì che si generasse il dietrofront sulla limitazione del contante da parte della politica?

Di certo lo scopo di contrastare il riciclaggio e l’evasione non ha avuto esito positivo visto che a nulla è servito passare dai 12.500 euro ai cinque mila euro (governo Prodi nell'aprile 2008 – art 49 D.Lgs 21 novembre 2007 n 231), per poi risalire di nuovo all'importo precedente col quarto governo Berlusconi (sempre nel 2008 – art 32 comma 1 lett. A D.L. 25 giugno 2008 n 112), scendendo di nuovo a 5000 Euro sempre col medesimo esecutivo con la finanziaria del 2010 prima (art 20 comma 1 D.L. 31 maggio 2010 n 78) e riducendosi a 2.500 euro successivamente con l'ennesimo taglio avvenuto nel 2011 (13 agosto 2011, art 2 comma 4 D.L. 13 agosto 2011 n 138).

C'è poi da dire che evasione a parte, molti italiani hanno sempre preferito usare i vecchi cari soldi al posto della cosiddetta moneta elettronica (vedi carte di credito e di debito), forse anche perchè rispetto all'estero, la commissione sull'uso delle carte da noi è ancora alta.




Altro su:



Condividi la notizia, basta un semplice click!