Liberalizzazioni: Novità in Arrivo

liberalizzazioniLe liberalizzazioni di cui tanto si sta parlando negli ultimi tempi, stanno per diventare realtà. In base a quanto contenuto nelle bozze del decreto circolanti, interesseranno diversi settori tra cui: benzina, burocrazia, energia, enti locali, farmacie, notai, ordini professionali, trasporti, servizi pubblici, spiagge e ad altro ancora.

Liberalizzazione benzinai

Ci sarà un freno alle compagnie petrolifere che non potranno più obbligare i distributori a rifornirsi presso un solo produttore (le cosiddette forniture in esclusiva).

Ogni benzinaio avrà la possibilità di acquistare i carburanti dove costano meno, anche se si tratta di marchi diversi da quello riportato nell’insegna.

Inoltre, le stazioni di servizio, potranno vendere anche generi diversi (sigarette, giornali, alimentari, ecc). I gestori avranno inoltre la possibilità di acquistare le stazioni di rifornimento che attualmente sono in gran parte di proprietà dei petrolieri.

Semplificazioni burocratiche

Per avviare una nuova attività non serviranno più licenze, limiti o autorizzazioni anticipate.

Liberalizzazione del commercio

Saldi e sconti saranno liberi ed ogni commerciante potrà decidere autonomamente quando farli.

Arrivano quindi i saldi tutto l’anno senza alcun vincolo sulla durata o sulle percentuali di sconto da applicare. Resta comunque invariato l’obbligo di fare comunicazione al Comune in cui si trova il punt0 vendita.

Liberalizzazione delle professioni

Niente più tariffe professionali, talvolta imposte dai singoli ordini. Avvocati, architetti, commercialisti e liberi professionisti in genere potranno applicare il prezzo che più ritengono opportuno, creando concorrenza che andrà a beneficio dei consumatori visto che comporterebbe un abbassamento degli onorari.

Avranno però l’obbligo di fornire un preventivo al cliente ed avere un’assicurazione che risarcisca da eventuali. Per facilitare l’accesso alle professioni si prevede che le università possano considerare come tirocinio il biennio della laurea specialistica, eccezion fatta per le professioni sanitarie.

Inoltre abolizione della la norma che assegna ai relativi ordini il controllo sulla veridicità delle notizie contenute negli eventuali messaggi pubblicitari lanciati dagli iscritti. Anche le sanzioni dovrebbero essere stabilite da un organo terzo.

Liberalizzazione servizi postali

Scomparirà il monopolio di Poste Italiane grazie alla liberalizzazione dei servizi postali che favoriranno la concorrenza aprendo il mercato anche ad operatori provenienti dall’estero, a condizione che siano in grado di  di garantire il servizio coprendo l’intero territorio nazionale.

Liberalizzazione delle Class Action

Viene allargato il campo di applicazione della norma e si abbreviano i tempi per la definizione della procedura.

I consumatori potranno ricorrere ad un ufficio della presidenza del Consiglio contro le clausole vessatorie presenti nei contratti.

Finalmente le cosiddette cause di gruppo aiuteranno i soggetti danneggiati a farsi valere in modo collettivo con notevoli benefici nel mercato; le imprese che adottano pratiche scorrette potranno avranno da temere prima di comportarsi in maniera furbetta nei confronti dei consumatori.

Anche per il pagamento delle somme dovute ai consumatori le cose cambieranno:  se entro 90 giorni le parti non troveranno un accordo si occuperà il giudice a liquidare le somme dovute ai singoli aderenti.



Altro su

Condividi la notizia, basta un semplice click!