Nuovi Business: Tessuti Personalizzati

tessuti-personalizzati La nicchia legata al mondo della personalizzazione continua a riscuotere successo a prescindere dal campo di applicazione, rivelandosi sempre più un modello di business vincente.

L’approccio adottato in questo caso ha permesso all’azienda ideatrice del progetto, di guadagnare terreno in poco meno di un anno incentrando il proprio business nel campo della produzione di tessuti personalizzati.

Il concetto sviluppato, un ibrido fra il tessile e la stampa digitale, permette ai consumatori di creare i propri tessuti online, magari da sfruttare per fare soldi con le magliette, vedere un’anteprima di quello che sarà il lavoro finito, riceverlo comodamente nell’arco di pochi giorni.

Attraverso l’apposito sito web gli acquirenti possono scegliere  una vasta gamma di tessuti  standard da personalizzare, deciderne il quantitativo, caricare il proprio disegno o la propria foto, e pagare comodamente con carta di credito.

Molto contenuti i prezzi che hanno influito a decretare il successo dell’iniziativa imprenditoriale: un metro di tessuto viene venduto ad un prezzo oscillante tra i 17 e i 34 dollari circa al metro.

I prossimi piani di espansione resi possibili dalla flessibilità del progetto, daranno a breve l’opportunità ai consumatori di poter ordinare, personalizzare e acquistare online oltre ai tessuti anche coperte, cuscini, borse, bandiere, tovaglie, ecc.

Tessuti on Demand

Nata dall’intuizione di un gruppo di artigiani e disegnatori tessili dall’esperienza pluriennale, è stata costituita all’inizio del 2009 riuscendo in poco tempo ad innescare una vera e propria rivoluzione nel settore dei tessuti personalizzati.

Tra i fattori operativi e tecnici che hanno contribuito alla buona riuscita del progetto, spicca in primo piano il processo produttivo dell’azienda che si avvale di innovative tecnologie, software, e inchiostri speciali.

Il percorso vincente tracciato dal progetto Tessuti on Demand, si configura come un ottimo spunto per alcuni segmenti dell’economia di casa nostra sia del settore business, che di quello consumer.

Settore business
– Le aziende tessili che in tempo di crisi non hanno trovato spazio nel mercato potrebbero reinventarsi, con qualche modifica al proprio processo produttivo, e intraprendere il percorso della personalizzazione sfruttando il commercio elettronico con ottime chance di replicare il successo dell’azienda statunitense.

– Gli atelier che potranno implementare nelle proprie creazioni sartoriali i tessuti personalizzati ed esclusivi, fornendo un ulteriore servizio ad alto valore aggiunto alla propria clientela.

Settore consumer
– Le casalinghe, donne, madri e appassionati di cucito fai da te che, grazie ai costi decisamente contenuti del tessuto personalizzato, potrebbero realmente creare capi di vestiario esclusivi per sè e per i propri cari a costi decisamente contenuti.

Per dirla in due parole il business dei tessuti personalizzati messo in piedi da Fabric On Demand, offre ad alcuni l’opportunità  di guadagnare, ad altri la possibilità di risparmiare soldi.



Altro su

Condividi la notizia, basta un semplice click!