Fondo Perduto al Sud: 50 Milioni di Euro alle Associazioni di Volontariato

collaborazioneE’ stato appena pubblicato il nuovo avviso per il sostegno e il rafforzamento del Volontariato nelle Regioni del Sud Italia da parte di Fondazione con il Sud. Sono a disposizione  ben 10 milioni di euro per il sostegno di programmi specifici.

Contributi a fondo perduto tra gli 80.000 e i 120.000 euro per le Reti nazionali e tra i 40.000 e i 60.000 euro per le Reti locali.

Il volontariato di fatto è uno dei pilastri del nostro Paese sia in riferimento alle Organizzazioni di Volontariato presenti sul territorio che alle persone che operano all’interno delle stesse.

I settori di attività in cui è maggiormente presente il volontariato sono il socio-assistenziale, il sanitario e la promozione della donazione del sangue e di organi; si segnala, tuttavia, il trend positivo di crescita nei settori della partecipazione civica: dall’educazione e la formazione alla protezione civile, dalla tutela e promozione dei diritti alla cultura.

In questo contesto, la Fondazione con il Sud, con il nuovo Bando Volontariato 2013, intende promuovere la realizzazione di interventi che vedano la partecipazione congiunta di diverse organizzazioni con due obiettivi fondamentali:
– sostenere le Reti nazionali di volontariato esistenti per la presentazione d Programmi aventi lo scopo di accrescere l’impatto sociale sul territorio, attraverso la realizzazione di interventi per il coordinamento, il rafforzamento e lo sviluppo della propria rete nella comunità;
– sostenere le Reti locali di volontariato in grado di proporre programmi volti a migliorare, ampliare e/o intensificare l’offerta dei servizi erogati ai cittadini, rafforzando il ruolo del volontariato e l’impatto dell’azione svolta dalle Organizzazioni di Volontariato nel Mezzogiorno.

Il Coordinamento Nazionale dei CSV (CSVnet) e i CSV del Mezzogiorno sono disponibili a fornire gratuitamente attività di orientamento e di accompagnamento nella redazione del Programma di sostegno e nella fase di realizzazione, gestione e rendicontazione dei Programmi eventualmente finanziati.

Soggetti beneficiari

Il Bando si indirizza a Organizzazioni di Volontariato iscritte nei registri regionali e a quelle non iscritte, i cui statuti e/o atti costitutivi siano coerenti con i primi tre articoli della legge 266/91.

Nel dettaglio, i Programmi di Sostegno potranno essere presentati da Reti nazionali e da Reti locali che intendono sviluppare la propria attività con Programmi che prevedano una durata tra i 18 e i 24 mesi.
I Programmi di Sostegno potranno essere presentati esclusivamente dai seguenti soggetti:

a) Reti Nazionali di volontariato, che intendono rafforzare la propria presenza nel Mezzogiorno d’Italia. Sarà direttamente l’organizzazione nazionale a presentare un Programma di Sostegno e a coordinare i rapporti tra le diverse associate appartenenti alla rete;
b) Reti Locali di volontariato, che vogliono rafforzare il loro ruolo e la presenza del volontariato, nonché l’offerta, la qualità e la diversificazione dei servizi offerti.

Ciascuna rete individuerà un Soggetto Responsabile con il compito di coordinare i rapporti tra i diversi soggetti che partecipano al Programma e la Fondazione, anche in termini di rendicontazione.

Le Reti Nazionali: Caratteristiche e Criteri per la Valutazione dei Progetti

Caratteristiche
a) essere state costituite prima del 2 gennaio 2011, con atto pubblico, scrittura privata autenticata o registrata;
b) essere composte in prevalenza da Organizzazioni di Volontariato (almeno il 75%);
c) svolgere attività coerenti con la missione della Fondazione;
d) essere composte da Organizzazioni di Volontariato con sede legale in almeno cinque regioni e venti province del territorio nazionale 5. Almeno il 40% delle aderenti alla Rete nazionale deve, inoltre, avere sede legale nelle Regioni in cui opera la Fondazione (Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sardegna e Sicilia);
e) prevedere, oltre all’organizzazione nazionale, la partecipazione nel Programma di almeno quattro delle associate;
f) aver presentato un solo Programma di sostegno nell’ambito del presente Bando;
g) non avere in corso, in qualità di Soggetto Responsabile/Proponente, altri progetti/programmi e/o iniziative finanziate dalla Fondazione.




Altro su:



Condividi la notizia, basta un semplice click!