Fare Soldi Testando Applicazioni iPhone

Un nuovo servizio paga gli utenti disposti a scaricare e usare applicazioni sul proprio dispositivo mobile. Questo per facilitare il compito agli sviluppatori per i quali può passare molto tempo prima che la propria creazione venga scaricata e conosciuta dal grande pubblico.

Giacchè ce ne sono così tante per l'iPhone (e non solo), per trovarne una adatta alle proprie esigenze diventa come cercare un ago in un pagliaio.

Per emergere, gli sviluppatori, non possono fare altro che affidarsi alla fortuna o sperare in qualche recensione; oppure, come in questo caso, ricorrere ad Apperang.

Ogni utente che decide di iscriversi al servizio, riceve un compenso in denaro, variabile in base all'applicazione scaricata.

La nuova piattaforma inaugurata nei giorni scorsi sembra vantaggiosa sia per gli sviluppatori che per i consumatori.

Gli sviluppatori utilizzano l'alternativa ( pagando gli utenti) per diffondere le proprie applicazioni e incoraggiando nel migliore dei modi le persone a testarle.

Al momento sono disponibili per il download una decina di applicazioni, e ogni sviluppatore può decidere se limitare o meno il servizio in base alla località.

Come funziona Apperang
Dopo aver effettuato l'iscrizione su Apperang, si sceglie l'applicazione da scaricare.

Per quelle gratuite si riceve un compenso di 25 centesimi di dollaro; per quelle a pagamento, si riceve l'intero importo speso per acquistarla oltre ai soliti 25 centesimi di bonus.

Per essere certi chè l'utente abbia scaricato e installato l'applicazione, deve sincronizzare il proprio device mobile con iTunes e successivamente i soldi vengono accreditati.

Al raggiungimento della soglia minima di un dollaro, è possibile trasferire il denaro su Paypal (unica opzione al momento disponibile) per poterlo riscuotere.

Possibili problemi tecnici e soluzioni
Alcuni utenti hanno avuto problemi di sincronizzazione usando come browser Safari. Derrick Fontana, Product Manager, dell'azienda, espone il procedimento da seguire in questi casi.



Altro su
>

Condividi la notizia, basta un semplice click!