Conti Correnti a Costo Zero: Arrivano i Conti Base

I conti correnti a zero spese dopo anni diventano realtà. Saranno disponibili dal primo di giugno e le banche saranno obbligate a fornirli gratis così come previsto dal decreto liberalizzazioni, ai pensionati ed alle fasce più disagiate della popolazione. Dei conti correnti gratuiti se ne parlava da anni e dopo vari tentativi falliti diventeranno realtà, ma non per tutti.

Potranno usufruirne senza spendere nulla solo i pensionati che percepiscono al massimo 1500 euro al mese, e tutti coloro che hanno un Isee non superiore ai 7500 euro annuali.

Tutti gli altri cittadini che vorranno aprire un conto base pagheranno invece un importo annuale ridotto (canone agevolato).

Caratteristiche del Conto Base

In base alle informazioni disponibili ad oggi, il conto base avrà un rendimento pari a zero, non potrà andare in rosso, non potrà essere collegato ad un conto titoli, non potrà avere carta di credito o libretto degli assegni.

Alcune differenze per il conto base rilasciato ai pensionati rispetto al medesimo conto aperto da cittadini con indicatore della situazione economica non superiore a 7.500 euro all’anno, riguarderanno il numero di prelievi inclusi.

Nel primo caso si avrà diritto ad una carta bancomat, non si pagherà l’imposta di bollo, saranno inclusi 12 prelievi Bancomat da altre banche, 6 prelievi di contante allo sportello, 6 richieste di elenco movimenti, 12 versamenti allo sportello in contanti o in assegni.

Riguardo invece le caratteristiche del conto gratuito per i pensionati (con una indennità mensile fino 1.500 euro mensili), si pagano sia i bonifici effettuati che i prelievi bancomat effettuati in altre banche, mentre i prelievi fatti presso gli ATM della stessa banca sono gratuiti e illimitati.

Si ha diritto inoltre ad una carta bancomat gratuita e a 6 estratti conto.

Al momento non è ancora dato di sapere se il numero delle singole operazioni indicate si intendano al mese o all’anno.

Praticamente, volendo riassumere, si può dire che il conto base serva solo a depositare soldi e fare prelievi di contante.

Anche perchè, da giugno in poi, tutti i pensionati che percepiscono mensilmente importi superiori ai 999 euro non potranno più ritirarli in contanti ma dovranno obbligatoriamente farseli prima accreditare sul conto.

Ancora pochi i prodotti in circolazione; ci auguriamo che le banche che non hanno ancora provveduto si sbrighino a immettere sul mercato i conti a zero spese, che fanno risparmiare sui costi delle banche così come imposto dalla legge.




Altro su:



Condividi la notizia, basta un semplice click!