Bonus Energia 2013 per Reddito e Disabilità: i Nuovi Importi

I bonus sul gas e la bolletta elettrica riservato alle persone disabili e ai consumatori a basso reddito subiscono un aggiornamento ad opera dell’Autorità per l’Energia. Sconto dai 71 ai 155 euro per la corrente elettrica e dai 39 ai 350 euro per il gas. Adeguamento retroattivo degli importi entro il 30 aprile 2013.

Dal 1 gennaio 2013, il bonus elettrico si concretizzerà con una riduzione media del 20% sulla bolletta, al netto delle imposte; riguardo invece il bonus gas la riduzione media sarà del 15%.

Gli sconti sulla corrente elettrica saranno più consistenti sopratutto per chi, a causa della propria situazione fisica, necessita di apparecchiature elettromedicali indispensabili per il mantenimento in vita.

Il bonus, suddiviso in 6 importi, viene calcolato in funzione sia del tipo ed intensita’ d’utilizzo delle apparecchiature sia della potenza installata e residenza.

Chi già percepiva gli sconti sulla bolletta della corrente per disagio fisico alla data del 31 dicembre 2012, potrà’ chiedere l’adeguamento retroattivo degli importi, a condizione che la presentazione della domanda avvenga a partire dal 1 gennaio e non oltre il 30 aprile 2013.

Il bonus per disagio fisico e’ cumulabile con quello riservato alle famiglie a basso reddito e numerose (sia per la fornitura di energia elettrica che di gas), qualora ricorrano i rispettivi requisiti di ammissibilita’.

Inoltre, nel caso in cui presso il titolare della fornitura di energia elettrica dimorino piu’ malati gravi che necessitano ognuno di apparecchiature elettromedicali indispensabili per il mantenimento in vita, possono essere ottenuti più’ bonus.

Possono usufruire del bonus elettrico per motivi di salute gli utenti affetti da gravi malattie, obbligati ad usare apparecchiature medicali a funzionamento elettrico necessarie per il mantenimento in vita.

Per accedere al bonus elettrico l’interessato deve presentare una certificazione rilasciata dall’ASL che attesti: la necessità di utilizzare tali apparecchiature, il tipo di apparecchiatura utilizzata, l’indirizzo presso il quale l’apparecchiatura è installata, la data a partire dalla quale il cittadino utilizza l’apparecchiatura.

La richiesta del bonus per le gravi condizioni di salute non è legata né al reddito né alla composizione del nucleo famigliare e pertanto non è necessario presentare alcuna documentazione relativa all’ISEE.

L’elenco delle apparecchiature elettromedicali salvavita che danno diritto al bonus per spendere meno sulla corrente elettrica, sono state individuate dal Decreto del Ministero della Salute del 13 gennaio 2011.

Le 5 macro tipologie di apparecchiature individuate sono le seguenti: apparecchiature di supporto alla funzione cardio-respiratoria, apparecchiature di supporto alla funzione renale, apparecchiature di supporto alla funzione alimentare e attività di somministrazione, mezzi di trasporto ed ausili per il sollevamento per disabili, dispositivi per la prevenzione e la terapia delle piaghe da decubito.




Altro su:



Condividi la notizia, basta un semplice click!