Bollo sui Conti Correnti: Non si Paga fino a 5 Mila Euro

Per favorire l’uso di strumenti di pagamento alternativi al contante, è stata eliminata l’imposta di bollo sui conti correnti con depositi inferiori ai 5 mila euro. Di contro, aumenta il bollo fino a 100 euro per i conti correnti delle imprese e delle persone giuridiche.

Le novità introdotte all’ultimo minuto nella Manovra Salva Italia, dopo numerosi cambiamenti, sembra assestarsi a quanto riportato sopra.

Viene così smentita definitivamente la tesi di un’ennesima batosta ai danni dei piccoli correntisti.

L’ipotesi riportata nell’articolo 19 della manovra, prevedeva nel 2012 una ulteriore tassa pari a 34,20 euro, per gli estratti conto annuali dei conti correnti di qualsiasi genere ed importo (bancari, postali, libretti di risparmio).

Probabilmente però non era stato tenuto conto che tale tassa è già presente da diversi anni (imposta di bollo) anche per i privati cittadini (persone fisiche).

Per tale motivo si è deciso, invece di raddoppiarla, di eliminarla del tutto, quantomeno per i conti e i libretti che hanno una giacenza media annuale inferiore a 5 mila euro.

Appariva un controsenso infatti fare la lotta al contante disincentivando i cittadini a tenere un conto aperto che gli sarebbe costato non poco.

Purtroppo però, per compensare le minori entrate derivanti dall’eliminazione del bollo sui conti di piccola entità, a pagare di più saranno le imprese e le persone giuridiche che vedranno lievitare l’imposta di bollo da  73,8  euro a 100 euro l’anno.

Precisazione: per giacenza media annuale si intende la somma degli importi rimasti sul conto per il numero dei giorni, diviso 365, oppure diviso 360 (in base alla banca), e moltiplicato per il tasso di interesse offerto dall’istituto di credito.

Poichè non tutte le banche fanno pagare l’imposta di bollo a fine anno (alcune lo fanno mensilmente, altre ogni 3 mesi), è bene richiedere alla propria l’addebito con questa modalità, in modo da pagare solo se necessario.

Alcune categorie di correntisti, a determinate condizioni, sono esentate sempre e comunque dal pagamento dell’imposta di bollo, se decidono di attivare un conto corrente base a costo zero.



Altro su

Condividi la notizia, basta un semplice click!