Multe Autovelox: Come Evitarle per Risparmiare

segnale di avviso presenza autoveloxGli autovelox dovrebbero servire solo come deterrente per scongiurare gli incidenti stradali. Spesso però sono usati dalle amministrazioni locali solo per fare cassa in maniera furbetta. La buona notizia: è possibile evitare le multe  per eccesso di velocità rilevate con gli autovelox in modo del tutto legale.

Premesso che ognuno ha il dovere di rispettare il codice stradale, è senza dubbio scorretto oltre che illegale fare multe infrangendo le regole.

Cosa dice la legge sugli autovelox

In ogni caso le postazioni di controllo sulla rete stradale per il rilevamento della velocità devono essere preventivamente segnalate e ben visibili. Ciò vuol dire che è assolutamente vietato posizionare autovelox nascosti, al fine di cogliere in flagrante l'automobilista. Purtroppo nella realtà avviene spesso il contrario.

Sempre più frequentemente infatti vengono segnalati dagli automobilisti autovelox selvaggi mimetizzati nei modi più svariati.

Multe autovelox: quanto si paga

Il nuovo Codice della Strada ha stabilito anche gli importi relativi alle multe per  eccesso di velocità:

  • superamento del limite fino a 10 km/h: da 39 euro a 155 euro;
  • superamento del limite tra 10 e 40 km/h: da 155 euro a 624 euro, con decurtazione di 3 punti dalla patente;
  • superamento del limite di velocità tra 40 e 60 km/h: da 500 euro a 2.000 euro con la sottrazione di 6 punti;
  • superamento dei limiti di velocità di oltre i 60 km/h: il ritiro della patente.

Se si prendono multe per eccesso di velocità è bene quindi, prima di pagarle, accertarsi che siano state elevate rispettando i criteri stabiliti dalla legge. Spesso infatti sono rilevate tramite sistemi elettronici e possono essere impugnate ed annullate dal Giudice di Pace.

Multe autovelox: vale la pena fare ricorso?

Se il ricorso si fa per questione di principio è un conto; altra cosa è impugnare una multa per evitare di pagarne il relativo importo.

In questa seconda ipotesi infatti bisogna valutare bene le proprie mosse, tenendo conto che dal gennaio dello scorso anno i ricorsi al Giudice di Pace sono diventati a pagamento.

Nel migliore dei casi bisogna fare un versamento di 38 euro (contributo unificato) per contestare la multa. Sempre che l'automobilista sia capace di svolgere in proprio la procedura corretta. In caso contrario infatti oltre al versamento bisogna anche sostenere le spese legali.

Se poi il Giudice accetta il ricorso la multa viene annullata e si può richiedere il rimborso del versamento, dal cui importo vengono comunque decurtati 8 euro relativi ai diritti di cancelleria.

Il rimborso non è automatico, ma bisogna attivare un iter per farsi restituire i 30 euro dal Comune che ha inflitto la multa. Poichè la procedura è piuttosto articolata, bisogna ancora una volta appoggiarsi ad un avvocato che chiaramente pretenderà un compenso per il lavoro svolto.

Nella peggiore delle ipotesi invece, ovvero se il Giudice non accoglie il ricorso, oltre al contributo unificato ed alle spese legali si dovrà comunque pagare la multa. In conclusione quindi è bene valutare pro e contro prima di impugnare una contravvenzione al codice della strada.

Come evitare le multe degli autovelox

Sono ben pochi gli automobilisti, anche tra i più rispettosi del codice della strada, che non siano incappati almeno una volta in una multa inflitta con un sistema autovelox.

Per evitare di essere multati per eccesso di velocità, la cosa migliore da fare oltre a rispettare le regole, è sicuramente dotarsi di un sistema legale in grado di rilevare la presenza degli autovelox.



Altro su

Condividi la notizia, basta un semplice click!